LA PRESSO-TERAPIA 

presso-terapia
sistema-linfatico

Molte persone, in particolare le donne, soffrono di pesantezza e dolorosi gonfiori alle gambe e caviglie a volte sono anche interessati gli arti superiori.

La causa principale sono disturbi della circolazione venosa e linfatica: in parte dovuti a edemi/linfedemi (accumulo di liquido interstiziale e ostacolata circolazione linfatica), in parte  a lipoedemi (anormale accumulo sottocutaneo di cellule adipose) che aggravano il dolore muscolare in particolare a chi sta a lungo in piedi o cammina molto.

Per combattere queste patologie ci è venuta in aiuto con risultati straordinari la pressoterapia o pressomassaggio, comparsa nel mondo estetico circa 20 anni fa è considerata ancor oggi una delle terapie non invasive più efficaci, se non la più efficace.

L’apparecchiatura di pressoterapia (nella sua versione più evoluta è dotata di regolazione della pressione e di programmi di pressomassaggio computerizzato adattabili alle esigenze del soggetto in trattamento) ha riscosso molto successo e suscitato un rilevante interesse giacché procura agli arti una sensazione di benessere e leggerezza fin dalle prime applicazioni.

Il massaggio attraverso pressioni sequenziali dalla periferia degli arti verso i linfonodi facilita il drenaggio del liquido interstiziale e rende più efficienti circolazione venosa e linfatica, riducendo di conseguenza gli inestetismi che si riscontrano più frequentemente: il gonfiore da ritenzione idrica, l’ipotonia dei tessuti, la cellulite edematosa e adiposa.

La pressoterapia può ancora essere ottimizzata dall'impiego aggiuntivo di soluzioni saline, alghe, gel o oli specifici ad azione drenante applicati sia manualmente, sia con l'ausilio di specifici bendaggi; inoltre può essere abbinata ad altri trattamenti estetici o benessere (fanghi-, algo-, talassoterapici) impiegati per prevenire o attenuare le disfunzioni e gli inestetismi descritti sopra.

La pressoterapia si utilizza soprattutto per il trattamento degli arti inferiori, delle braccia e della zona addominale, parti del corpo che presentano maggiormente problemi di tipo circolatorio venoso/linfatico, in alcuni casi è opportuno abbinare alla pressoterapia anche un ciclo di massaggi per migliorare la circolazione e l'ossigenazione dei tessuti.

Solitamente la pressoterapia trasmette una immediata sensazione di benessere, attenuando il senso di tensione e pesantezza e regalando una cute più elastica e movimenti più sciolti.

Non ha controindicazioni particolari se non per le donne in gravidanza  e in presenza di lesioni cutanee, varici, flebiti o insufficienze cardiocircolatorie.

Per ottenere dei buoni risultati un ciclo di trattamenti prevede di norma 10/12 sedute al ritmo di una/due a settimana.